Print This Post Print This Post

La Polonia in TV

“I militi ignoti della fede. Il martirio nell’Europa Orientale”

Un viaggio nei paesi dell’Europa orientale che sono stati scenario delle persecuzioni, per portare alla luce le storie di uomini che hanno fatto la Storia «I militi ignoti della grande causa di Dio», li ha definitiGiovanni Paolo II.
Una serie firmata Pupi Avati e composta da 28 documentari di un’ora. 14 il primo anno e 14 il secondo. Si parte con le prime cinque puntate sulla Polonia, 4 sull’ex Cecoslovacchia, 2 sull’Ungheria, 2 sulla Romania e 1 sull’ex Germania Orientale mentre il secondo anno sono previste: 8 puntate in URSS, 3 in Yugoslavia, 2 in Albania, 1 in Bulgaria. Andrà in onda su Tv2000 a partire da venerdì 8 novembre alle 21.20. La prima puntata, dal titolo “In nome della libertà: la sfida di don Popieluskzo”, è dedicata al sacerdote polacco che il 19 ottobre 1984, di ritorno da un servizio pastorale, fu rapito e ucciso da tre funzionari della polizia segreta polacca. Il suo corpo fu ritrovato il 30 ottobre nelle acque della Vistola vicino a Włocławek. Dur ante il periodo dello “stato di guerra” in Polonia la Chiesa cattolica fu l’unica forza che poteva avere una certa possibilità di critica. Le omelie di don Jerzy Popieluszko venivano regolarmente trasmesse da Radio Free Europe. Per tale ragione venivano considerate “scomode” dal regime comunista polacco. Ai funerali, che si svolsero il 3 novembre, parteciparono più di 400mila persone, compreso il leader di Solidarność Lech Walesa
I ventiquattro filmati di un’ora tramite interviste e resoconti storici ricostruiscono le avversità e le persecuzioni subite dai cristiani nei paesi dell’Est Europeo durante il regime sovietico. Si raccontano sia le grandi figure che hanno pagato col martirio la loro opposizione, come appunto Popieluszko ma anche i cardinali Mindszenty, Wyszynski, Beran, ma anche e soprattutto i tanti sconosciuti, suore, frati e laici che con lotta e sacrificio hanno consentito alla Chiesa di sopravvivere uscendo vittoriosa da un periodo storico tanto buio. Fu proprio Papa Wojtyla a definire questi uomini: I militi ignoti della grande causa di Dio.
Dunque un appuntamento da non perdere quello che viene proposto da Tv2000 (sul canale 28 del digitale terrestre, 138 Sky e in streaming su www.tv2000.it) perché racconta l’Europa orientale, dalla Seconda guerra mondiale alla caduta del muro di Berlino nel novembre 1989. La terra polacca, così come l’Ungheria, la Cecoslovacchia, la Romania e l’ex Repubblica democratica tedesca, furono teatro di persecuzioni di massa, di cui rimangono rare tracce nei libri di storia.

Lascia un comento

 

 

 

Puoi usare questi tag

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>