Print This Post Print This Post

Polonia o Svezia?

La Polonia di Tusk non è la Svezia Matteo Tacconi, Europa, 16 settembre 2013 Fino a un po’ di tempo fa, nel racconto dei media, era stato l’unico socio comunitario – assieme alla corazzata tedesca – che aveva retto bene l’urto della crisi, senza registrare cadute verticali del Pil, proteste sociali e instabilità politica. Ma […]

Print This Post Print This Post

La visione internazionale del Presidente Giorgio Napolitano

da Intervento del Presidente Napolitano in occasione della presentazione degli auguri del Corpo Diplomatico … Ho ricevuto qui 86 Capi di Stato, di cui 43 in visita di Stato, e ho concesso 136 udienze a personalità straniere. … mosso verso il vasto mondo : nel corso del settennato, fino ad oggi 26 incontri internazionali in […]

Print This Post Print This Post

Appelli e movimenti europei

Sulla classe politica italiana e sulla classe politica europea che il 2012 esprime, ciascuno avrà il suo giudizio. Si può pensare che le classi politiche nazionali pensano solo in termini elettorali, mentre la classe politica europea pensa in termini di generazioni. Si può osservare che “politiche” sono solo le classi dirigenti nazionali, elette, legittime, mentre sono i tecnocrati, […]

Print This Post Print This Post

L’Europa vissuta all’italiana, dal Colle

Presentazione a Roma del libro di Antonio Puri Purini, Dal colle più alto. Al Quirinale con Ciampi negli anni in cui tutto cambiò, Il Saggiatore, Milano 2012. Gli anni «cruciali» in cui tutto cambiò sono compresi tra il maggio 1999 e settembre 2005, e furono caratterizzati per non dire funestati dall’attacco alle Torri gemelle, dall’intervento […]

Print This Post Print This Post

La partita italiana, la partita europea

– Mi chiede un 24enne: ma al summit dei capi di stato e di governo a  Bruxelles qual è la posta in gioco? – Se non erro, la posta in gioco è il futuro dell’eurozona/dell’UE/dell’Europa. – Le nostre economie nazionali sono individualmente molto vulnerabili agli attacchi speculativi e agli effetti perniciosi della crisi mondiale che si trascina […]

Print This Post Print This Post

Il calcio letto con i filtri politici: abusi nell’uso della storia

– Quella tra Italia e Germania, giovedì 28 giugno, sarebbe “l’ultima partita. Non c’è solo il pallone: è la settimana del vertice europeo più importante degli ultimi anni e della sfida Monti-Merkel sul destino dell’euro per salvare l’Europa. Obama tifa Italia, il premier si affida al Quirinale” — scrive un giornale italiano, mentre altri alludono al “catenaccio […]

Print This Post Print This Post

Legittimità in Europa

1) Ma ce lo deve dire il premio nobel Amartya Sen (International Herald Tribune) che l’UE ha bisogno di darsi rapidamente una forte legittimità politica? Ci deve dire lui che: – le visioni unilaterali/buone intenzioni dei tecnici necessitano di ragionamenti pubblici e del consenso informato dei cittadini? – la chiave del successo delle riforme è la partecipazione della […]

Print This Post Print This Post

Si, voglio che la Grecia resti nell’euro

Se — non sia mai — la Grecia dovesse uscire dall’euro sarebbe innanzitutto un fallimento dell’UE ovvero nostro. Con effetti negativi nel breve medio lungo termine. Con tanti cervelli in Europa, possibile che non si trovi una soluzione? Scrive Barbara Spinelli (“La Repubblica”): – in Grecia “la democrazia è entrata in conflitto con le strategie che hanno […]

Print This Post Print This Post

Dove sta, dove va, dove è appena andata la Polonia?

ACCADEMIA POLACCA DELLE SCIENZE CENTRO DI STUDI A ROMA www.accademiapolacca.it invita alla conferenza di Prof.  Aleksander  SMOLAR (Membro del Consiglio di Amministrazione (Board) dell’European Council on Foreign Relations, ECFR, Presidente della Fondazione Stefan Batory)  sul tema: La Polonia nell’Unione Europea  con l’introduzione di S. E. Ambasciatore della Repubblica di Polonia presso il Quirinale:  Wojciech  PONIKIEWSKI […]

Print This Post Print This Post

Domani era il 13 dicembre 1981

MILANO 12 dicembre 2011, ore 18.00 Sala Buzzati , Via Balzan 3, angolo via S.Marco, Milano 1981- 2011 La Polonia e l’Europa da Solidarnosc alla presidenza dell’UE saluto introduttivo Krzysztof Strzałka, Console Generale della Repubblica di Polonia intervengono Vittorio Da Rold, Il Sole 24 ore Paolo Galli, già Ambasciatore d’Italia a Varsavia Luigi Geninazzi, Avvenire […]

Print This Post Print This Post

Una araba presidenza polacca dell’UE

Ha ragione Jacek Pawlicki su “Gazeta Wyborcza” a porsi adesso la domanda su come gli accadimenti mediterranei impatteranno sulla presidenza semestrale polacca dell’UE che comincerà nel giugno prossimo: “Tunezja, Egipt, Libia – konsekwencjami rewolt w tych krajach Polska będzie musiała zająć się od lipca. A nawet wcześniej. Przewodnictwo Polski w Radzie UE to szansa na […]

Print This Post Print This Post

Intanto l’economia polacca

L’economia della Polonia si mostra attualmente molto robusta, i dati di crescita pubblicati recentemente per il terzo trimestre 2010 hanno sorpreso con un +4,2% di crescita del PIL su base annua. È interessante notare come a fronte di un’attenuazione del dinamismo negli scambi commerciali con l’estero, la crescita sia stata sostenuta principalmente da una domanda […]

Print This Post Print This Post

Est solido

Ferrazzi: «Le buone notizie vengono dall’Est. È il lato solido dell’Europa» Matteo Tacconi , Europa.it quotidiano, 26 novembre 2010 Sembrava che i paesi dell’Europa centroorientale, orientale e dei Balcani dovessero saltare, uno dietro l’altro. Analisti e giornali scommettevano alla grande sull’ipotesi di una catena inarrestabile di bancarotte, dentro e a ridosso dei confini Ue. Invece […]

Print This Post Print This Post

Riflessioni sulla società europea al plurale

Letture da weekend. Appunti – se alcuni Paesi/classi sociali/individui si accaniscono tanto contro stranieri, minoranze e concittadini di serie B è perchè hanno in questa fase una identità “debole”; – se sono “deboli” è perchè la tendenza durata 5 secoli (l’espansione e l’emigrazione e l’influenza europee nel mondo) si è rovesciata di segno e oggi (un oggi […]

Print This Post Print This Post

Dove va l’UE? Tre analisi sul filo dei mesi

Il sorriso ottuso dell’Europa BARBARA SPINELLI, La Stampa, 16/5/2010 E’ impressionante la forza che possiede la stupidità, nella vita degli Stati europei e in quella dell’Unione. La crisi economica iniziata nel 2007 avrebbe dovuto insegnar loro un po’ d’intelligenza supplementare, e persuaderli che i tempi dell’incertezza erano finiti, che la politica doveva riacquistare un primato, […]

Print This Post Print This Post

Importantissimo ciò che accade in Grecia: la lezione?

“O adeguiamo l’Europa all’euro, o rinunciamo all’euro” “Senza vero Stato alle spalle, non esiste vera moneta” = più Europa! = l’unica cosa da NON fare è rinviare, rinviare, rinviare Il primo rischio è la spaccatura “etnica” dell’Europa tra Gruppo dei “virtuosi” (la Germania e i paesi della sua sfera d’influenza) e cosiddetto “Club Med” lassista dei […]

Print This Post Print This Post

Europe economiche: chi sale, chi scende, chi…

Do Unii powoli wraca koniunktura gospodarcza Fonte: Dla 23 z 27 krajów Bruksela podwyższyła prognozę dotyczącą dynamiki PKB. Zakłada też, że grecka gospodarka skurczy się o 3 proc., a nie o 0,3 proc., jak sądziła wcześniej. Polska i Słowacja będą liderami wzrostu gospodarczego w tym roku. W 2011 r. szybciej od nas będą się już […]

Print This Post Print This Post

Tempi di vacche magre

L’Europa scende in piazza – titola The Independent Alle prese con licenziamenti diffusi e cupe previsioni di uno stallo nella ripresa dalla recessione, l’Europa sta affrontando un’ondata di scioperi senza precedenti. Da Dublino ad Atene i lavoratori contestano i tagli al bilancio e le politiche di riduzione salariale.  Segnalato da pdf

Print This Post Print This Post

Le repubbliche baltiche, al plurale

Segnalato da Euro-topics, 03/11/2009 Postimees – Estonia – Marked differences between Baltic economies In its autumn reports on Estonia, Latvia and Lithuania the International Monetary Fund (IMF) arrives at widely diverging conclusions, the Estonian daily Postimees notes: “The material on Estonia takes up only four pages, for Lithuania it’s only one and a half, but […]

Print This Post Print This Post

Cartografare la crisi

La crise en Europe : éléments de géographie Écrit par Pascal Orcier, Nouvelle Europe 30-01-2009 Il est encore trop tôt pour établir un bilan complet des effets de la crise sur le continent européen. Néanmoins, il est possible de mettre en évidence l’apparition de certains phénomènes d’un point de vue géographique. D’une part, la zone […]

Print This Post Print This Post

La crisi, la Polonia, l’euro

La crisi posticipa l’ingresso della Polonia nella zona dell’Euro. Iwona Kasprzyk, Nuova Polonia, 03.07.2009 Il vice ministro delle Finanze, Ludwik Kotecki, ha confermato le previsioni degli economisti ed analisti europei riguardo alla tempistica delle tappe dell’ingresso della Polonia nella zona dell’Euro. Il governo sta rielaborando il programma dell’adozione della nuova moneta, dovendo ammettere che le […]

Print This Post Print This Post

Tra Italia e Polonia i crediti

Unicredit, crediti Polonia vanno meglio che Italia ROMA, 25 giugno 2009 (Reuters) – Le attività di Unicredit in Polonia, oggi, vanno meglio di quelle in Italia. Lo ha detto l’AD del gruppo bancario Alessandro Profumo durante una tavola rotonda, per spiegare che la geografia della crisi è diversificata fra le diverse aree del mondo e […]

Print This Post Print This Post

La crisi dall’Italia verso la la Polonia

L’Ocse: per l’Italia “lunga recessione” FUORIPAGINA, Galapagos, Il manifesto, 17/06/2009 Il giudizio dell’Ocse è da brivido: “L’Italia ha di fronte una profonda e prolungata recessione”. E facendo seguire i numeri alle parole, l’organizzazione parigina – nell’ultimo rapporto dedicato all’Italia – sostiene che quest’anno il Pil crollerà del 5,3% e il tasso di disoccupazione potrebbe salire […]

Print This Post Print This Post

Le elezioni europee stimolano riflessioni

Fors’ we could di Helena Janeczek, Nazione Indiana Quando Barak Hussein Obama correva per le elezioni a Presidente degli Stati Uniti oppure subito dopo, i giornali erano pieni di sondaggi che dicevano che se si fosse votato in Europa, l’avrebbero scelto oltre l’80% degli elettori. La cosa che riporto a memoria e dunque in maniera […]

Print This Post Print This Post

La migliore analisi di queste elezioni europee

All’assemblea di Strasburgo il gruppo dei non iscritti è diventato la terza forza La migliore analisi di queste elezioni europee me l’ha data questa sera il mio amico Erik. Il quale ha semplicemente osservato che la vera novità di queste elezioni non sono tanto gli spostamenti numerici di questo o quel partito (indicatori certamente rilevanti), […]

Print This Post Print This Post

Solidarietà baltiche

Lettonia, Polonia e Svezia chiedono intervento su crisi di Jan Strupczewski e Karolina Slowikowska, Reuters, venerdì 5 giugno 2009 VARSAVIA, 5 giugno (Reuters) – I rappresentanti di Polonia e Svezia hanno chiesto oggi di intervenire rapidamente in aiuto della Lettonia ed evitare che la crisi economica del Paese contagi altri paesi in Europa. Il piccolo […]

Print This Post Print This Post

La Polonia non affonda

La Pologne a été un des rares pays de l’Union européenne à connaître une expansion de son activité économique au premier trimestre, enregistrant une hausse de 0,4% de son PIB par rapport au trimestre précédent a annoncé, le 29 mai, le Bureau national des statistiques polonais. pdf

Print This Post Print This Post

Nasce un’epoca nuova

Narodziny nowej epoki Kiosk – Świat/Süddeutsche Zeitung, John Gray W okresie euforii trwającej od upadku muru berlińskiego aż do jesieni 2008 roku wiele osób wierzyło w triumfalny pochód kapitalizmu w wydaniu amerykańskim. Choć trudno porównywać znaczenie szczytu G20 w Londynie do konferencji w Bretton Woods, to spotkanie grupy najbardziej uprzemysłowionych państwa świata wyznacza nową epokę […]

Print This Post Print This Post

Il Baltico non esiste

The Baltic – a dubious collective name Latvia has been harder hit by the economic crisis than Estonia. However the false image of a homogenous Baltic region will mean that the problems of one country are automatically seen to be affecting the others, the daily Postimees writes critically. “The rest of the world often lumps […]

Print This Post Print This Post

L’aria che tira. Polonia giù o su?

Polonia/ Banca mondiale smentisce dati Ue: Pil 2009 in crescita Stime Commissione: calo dell’1,9%. Varsavia aveva criticato dati Roma, 21 mag. (Apcom-Nuova Europa) – La Polonia sarà l’unico Paese ex-comunista membro dell’Ue a conoscere una crescita di segno positivo nel 2009, nonostante la crisi economica mondiale. Lo ha detto un economista della Banca mondiale Kaspar […]

Print This Post Print This Post

L’Europa del centro-est e la crisi

Central and Eastern Europe. No panic, just gloom May 14th 2009, From The Economist print edition The region as a whole may have avoided economic meltdown, but several countries still face a painful slump THANKS to a mix of luck and good decisions, the economic apocalypse that loomed over central and eastern Europe seems to […]

Print This Post Print This Post

Allargamento, da detto?

Ue, la crisi frena l’allargamento. Cinque anni fa la “grande riunificazione”. L’ingresso dell’Europa dell’Est suscitò paure e speranze. Oggi l’annivesario passa in sordina La Stampa, 5/5/2009 Cinque anni fa, il primo maggio 2004, venivano ammessi nell’Unione Europea quasi tutti i Paesi ex satelliti dell’Urss: Polonia, Repubblica ceca, Ungheria, Slovacchia, Estonia, Lettonia Lituania, Slovenia, oltre a […]

Print This Post Print This Post

La sfida della povertà (e l’Europa)

Une Europe des exclusions ? Écrit par Philippe Perchoc, La nouvelle Europe, 01-05-2009 Encore une fois, Bronislaw Geremek a eu raison. Lui qui avait consacré sa carrière universitaire à l’étude des pauvretés avait souligné que le chemin vers l’Europe unie ne pouvait s’affranchir de ce combat. En ces temps de crises, quel bilan de l’Europe […]

Print This Post Print This Post

Populismi in Europa

Frustracje nowej Europy Slavenka Drakulić, chorwacka dziennikarka i pisarka, Przełożył Sergiusz Kowalski, Gazeta Wyorcza, 2009-04-03 Na pytanie, czy istnieje populistyczne zagrożenie w nowej Europie, jeszcze niedawno odpowiedzielibyśmy ostrożnie “nie”. Dziś jest to pytanie otwarte. Niedawny na pozór banalny incydent futbolowy na Słowacji urósł do rangi poważnego konfliktu – Węgrzy palili słowackie flagi i blokowali przejścia […]

Print This Post Print This Post

L’ Est al G20

da RASSEGNA ITALIANA – di Ada Pagliarulo, Paolo Martini, 2 aprile 2009 … Su La Repubblica, intervista al Premier ceco Topolanek, presidente di turno dell’UE: “Trascurata l’Europa dell’est, rischiamo un nuovo muro” ne è il titolo. Perché ha criticato la politica economica di Obama? “Insensato! Ho solo espresso la mia preoccupazione per un possibile trend […]

Print This Post Print This Post

La crisi del sistema vista da Soros: centro, periferia

Soros: Tym razem system rzeczywiście się załamał George Soros, prezes Soros Fund Management, Gazeta Wyborcza 2009-03-24 Międzynarodowe instytucje finansowe mają teraz nowe zadanie: chronić kraje na peryferiach globalnej gospodarki przed burzą, która przyszła z jej centrum. Zbliżający się szczyt krajów G20, który odbędzie się 2 kwietnia, to wydarzenie, od którego wiele zależy. Jeżeli jego uczestnicy […]

Print This Post Print This Post

Crisi in Cechia, crisi in Europa

Euro-topics – MAIN FOCUS European Press Review of 26/03/2009 After the government collapse in Prague After the no confidence vote against the government of Mirek Topolánek in Prague the European press voices concern for the future of the EU, which is currently led by the Czech Republic. The crisis shows how national conflicts can unsettle […]

Print This Post Print This Post

Disoccupazione polacca

Polonia/ Cresce ancora la disoccupazione.  A febbraio al 10,9%. Quarto aumento consecutivo. A gennaio tasso era del 10,5% Roma, 24 mar. (Apcom-Nuova Europa) – Il tasso di disoccupazione in Polonia è aumentato al 10,9% nel mese di febbraio dal 10,5% di gennaio. Lo ha reso noto l’Istituto di statistica di Varsavia (GUS), sottolineando che la […]

Print This Post Print This Post

Crisi politiche in Ungheria e in Cechia

RASSEGNA ITALIANA – di Ada Pagliarulo, Paolo Martini A poche ore dalla decisione del premier ungherese Gyursany di lasciare il governo, arriva la notizia della sfiducia al premier ceco Topolanek. L’opposizione punta alle elezioni anticipate. La mozione del Partito socialdemocratico e di quello Comunista criticava la gestione della crisi economica. Il rischio ora, sottolineano i […]

Print This Post Print This Post

Dopo il vertice europeo, Polonia soddisfatta

Kryzys jednoczy Europę Jeremi Jędrzejkowski, Rzeczpospolita 20-03-2009 Unijny szczyt w Brukseli pokazał, że globalny kryzys może mieć pozytywne aspekty. Czując na sobie wzrok wyborców – którzy coraz częściej myślą o tym, czy nie stracą pracy, a w najlepszym razie, czy uda im się utrzymać poziom zarobków i spłacić zaciągnięte kredyty – najważniejsi politycy unijni doszli […]

Print This Post Print This Post

Sull’est che non esiste

VARSAVIA (Reuters), lunedì 23 marzo 2009 L’economia della Polonia sta meglio di quella spagnola, greca e irlandese e di altri paesi dell’Europa centro-orientale, e per questo la regione non può essere trattata in modo uniforme. Lo ha detto l’AD di UniCredit Alessandro Profumo in un’intervista al quotidiano Dziennik. Secondo gli analisti la Polonia, cresciuta del […]

Print This Post Print This Post

Reagire alla crisi. Commento

COSA PUO’ FARE L’EUROPA PER I PAESI SULL’ORLO DEL CRAC di Pietro Manzini, La Voce.info, NEWSLETTER – 10 marzo 2009 Al meeting informale di Bruxelles i leader europei hanno ipotizzato eventuali interventi in soccorso di singoli Stati. Dal punto di vista giuridico l’intervento sembra ammissibile, appellandosi al principio di solidarietà. Meno realistico appare invece sotto […]

Print This Post Print This Post

Se l’Ovest ritira fuori lo stereotipo dell’Est, i polacchi… i lituani…

Blizna po murze berlińskim Marek Magierowski, Rzeczpospolita 09-03-2009 Dzięki kryzysowi dowiedzieliśmy się, że nie ma już dynamicznej Polski, pięknych Czech czy wzbudzającej podziw Łotwy. Znów jesteśmy, po prostu i zwyczajnie, Wschodem – pisze publicysta “Rzeczpospolitej” Słowo “Wschód” powróciło do słownika zachodnich mediów, wypełniając nagłówki alarmistycznych artykułów o sytuacji gospodarczej naszego regionu. Wschód stanął na krawędzi […]

Print This Post Print This Post

Italia-Polonia. Effetti della crisi

Chiude il paese del frigo L’Indesit cancella la fabbrica di None: 8 mila abitanti, 600 dipendenti. Produzioni in Polonia. Un’intera comunità senza punti di riferimento LODOVICO POLETTO, INVIATO A NONE (TORINO), La Stampa 6-3-2009 Adesso che la fabbrica non c’è più, c’è chi vorrebbe poter tornare indietro. Un bel rewind di 40 anni per cancellare […]

Print This Post Print This Post

La crisi e l’Est

CRISI: BANCHE CENTRALI EUROPA EST, SU NOI NOTIZIE FUORVIANTI ROMA – Banche centrali e autorita’ di controllo dei mercati dell’Europa Centrale e Orientale scendono in campo contro le notizie ”semplificate e fuorvianti” circolate in questi giorni sulla situazione delle economie dei paesi della regione. In un comunicato congiunto le banche centrali di Repubblica, Ceca, Slovacchia, […]